Cosa c’è nel cuore dello spirito di squadra?

Il gioco è parte dell’interazione tra gli esseri umani sin dall’inizio dei tempi. È sempre stato qualcosa di sacro. Comincia da quando si è bambini; rimane quando si diventa manager, uomini, sportivi e guerrieri.
Lavorare su noi stessi per conoscerci, per comprendere chi e dove siamo è importante perché quando giochiamo impariamo e miglioriamo su molti livelli.
Ci siamo dimenticati che quando giochiamo, quando ci divertiamo, impariamo di più che in qualsiasi altra situazione.

È un concetto chiave che dovremmo sempre ricordare, ma che acquista sempre più valore quando applicato ad un lavoro, e a qualsiasi altra attività noi facciamo.
Ciò è ancora più vero per l’individuo e la squadra poiché, quando apprendiamo in modo divertente risaltano la nostra unicità e i nostri talenti, contribuendo alla creazione e alla coesione della squadra.

Lo spirito di squadra è estremamente importante. Non sempre siamo a conoscenza del fatto che la parola “spirito” significa “CIO’CHE DA’ VITA A”. Potremmo fare un paragone con le 5 dita della mano. Quando maneggiamo qualcosa o intendiamo compiere un gesto con la nostra mano, non ci chiediamo mai se il pollice è più forte del mignolo, ma muoviamo le dita insieme e ogni dito si muove in sincronicità con gli altri per svolgere un’azione armoniosa, quasi un’opera d’arte.
L’amore, la passione che proviamo nel fare qualcosa che ci fa stare bene porta risultati superiori a quello che noi esseri umani possiamo immaginare.
L’amore incondizionato per il compagno di gioco – e mi riferisco all’amore e alla passione privi di giudizio – lo fa esprimere al meglio delle sue capacità, poiché avverte di essere accettato per quello che è.

La vittoria giunge come conseguenza di un viaggio fatto di preparazione tecnica, tattica e fisica. Tutte sono importanti ed essenziali, ma possono essere unite, esaltate e accresciute in un modo che non possiamo nemmeno immaginare dall’amore, dalla passione, dalla magia di una visione condivisa, che contiene i valori assoluti del miglioramento della condizione umana.
L’Intelligenza Spirituale, che è stata definita la terza intelligenza umana e la più importante, è la più alta modalità di conoscenza utilizzata dall’uomo per concepire possibilità irrealizzate e per trascendere l’arrancare abitudinario della vita.
Per raggiungere una reale trasformazione, dobbiamo cambiare le motivazioni che guidano il nostro comportamento.

Dobbiamo spostare l’enfasi da QUELLO CHE SO a COME LO SO e, ancor più importante, a PERCHÈ LO SO – facendoci domande su noi stessi e riconoscendo la possibilità della necessaria incertezza della nostra comprensione e del nostro modo di osservare una situazione.
Imparando a dirigere e ridirigere la nostra attenzione, possiamo imparare a condividere una visione con il gruppo o con la squadra di cui facciamo parte.
Cercando prospettive alternative, possiamo comprendere meglio gli altri e comunicare, motivare, collaborare e anche aprirci a nuove possibilità che prima non potevamo immaginare.
Giocare è per me sacro. Ho conosciuto questa sacralità attraverso l’amore che ho messo in quello che facevo ogni giorno, in quello che faccio per migliorare me stesso e supportare quelli che sono parte della squadra della mia vita.
Forse questa è la ragione per cui le persona mi chiamano “IL CAPITANO”.
Sigla.com - Internet Partner